Free-go sostenibile

Free-go sostenibile
14 luglio 2015 c4web

Il cibo che acquistiamo è sempre molto più di quello che siamo in grado di consumare: secondo stime recenti, in Italia una famiglia in media butta nella spazzatura 49 chili di cibo ogni anno.
In tutto questo è anche necessario calcolare il pesante impatto ambientale prodotto: da un lato l’impiego massiccio di risorse ed energia, che servono per produrre il cibo, dall’altro una grande quantità di rifiuti che per essere smaltiti provocheranno un’ulteriore spreco di risorse.
E allora davvero un frigorifero stracolmo è sinonimo di benessere?
Attraverso un percorso guidato si avvierà una riflessione sui nostri stili di vita, parlando di sprechi alimentari con una particolare attenzione al concetto di sobrietà dei consumi.
In quest’ottica la scelta di mettere o meno un alimento nel nostro frigo diventa anche una scelta civica di responsabilità.

icon box image

destinatari

Scuola secondaria di primo grado.

icon box image

durata

Un incontro di due ore presso il punto vendita.

icon box image

parole chiave

Spreco, conservazione, alimentazione sostenibile, strategia di vendita.

icon box image

finalità

Riflettere sullo spreco alimentare a partire dalle quotidiane scelte di consumo. Riconoscere alcune strategie di vendita.

Potrebbero anche interessarti

Lug24
Coop per l’arte
Coop per l’arte

La lingua monumentale dell’arte è quella che ha reso unico al mondo il territorio, dell’Italia e che, lungo i secoli, ha reso noi tutti «italiani» per ius soli culturale.

Lug25
Alla scoperta del cibo
Alla scoperta del cibo

Questa iniziativa si propone di suscitare nei bambini/e la curiosità nei confronti del variegato mondo degli alimenti, delle loro provenienze, delle loro combinazioni.

Lug23
Ma che razza di razza!
Ma che razza di razza!

Che idee abbiamo della razza? E che collegamento c’è tra razza e razzismo? Quali sono i meccanismi culturali che supportano il razzismo? E come funzionano?
E ancora: gli italiani sono razzisti?