La fabbrica dei desideri

La fabbrica dei desideri
1 agosto 2016 c4web

In un mondo in continua trasformazione si sono sviluppati nuovi rapporti di consumo e nuove abitudini di visione.
Il progetto svela alcune tecniche di comunicazione della pubblicità per mettere ragazzi e ragazze in grado di riconoscere la natura dei contenuti che incontrano nell’esperienza quotidiana di fruizione e interazione con Internet, televisione e carta stampata.

Attraverso l’analisi di filmati, esercitazioni e momenti di confronto, la classe viene guidata all’acquisizione di uno sguardo competente e autonomo rispetto ai messaggi veicolati da spot, cartelloni, fotografie, claim, jingle, banner e dagli altri mezzi espressivi della comunicazione commerciale.

icon box image

destinatari

Scuola secondaria di primo grado.

icon box image

durata

Due incontri di due ore ciascuno. In classe

icon box image

parole chiave

Pubblicità, strategie di comunicazione, linguaggio audio-visivo.

icon box image

finalità

Analizzare alcune tecniche di comunicazione della pubblicità. Far acquisire uno sguardo autonomo sui vari mezzi
usati dalla comunicazione commerciale.

Potrebbero anche interessarti

Lug24
Coop per l’arte
Coop per l’arte

La lingua monumentale dell’arte è quella che ha reso unico al mondo il territorio, dell’Italia e che, lungo i secoli, ha reso noi tutti «italiani» per ius soli culturale.

Lug25
Alla scoperta del cibo
Alla scoperta del cibo

Questa iniziativa si propone di suscitare nei bambini/e la curiosità nei confronti del variegato mondo degli alimenti, delle loro provenienze, delle loro combinazioni.

Lug23
Ma che razza di razza!
Ma che razza di razza!

Che idee abbiamo della razza? E che collegamento c’è tra razza e razzismo? Quali sono i meccanismi culturali che supportano il razzismo? E come funzionano?
E ancora: gli italiani sono razzisti?

Ago02
Nessun uomo è un’isola
Nessun uomo è un’isola

Lentamente stiamo perdendo l’abitudine di confrontare le nostre opinioni e comunicare con chi condivide con noi lo spazio quotidiano. Il termine accoglienza evoca apertura, ascolto: accogliere l’altro da me significa proprio essere disponibili e partecipi nei confronti delle tante storie che si intrecciano nelle comunità in cui viviamo.

Ago02
Ambiente in gioco
Ambiente in gioco

Oggi viviamo in un’epoca caratterizzata dallo straordinario impatto che una singola specie, quella umana, ha nei confronti di tutti i sistemi naturali della Terra. Ma siamo realmente consapevoli che tutti noi deriviamo e dipendiamo da questi stessi ecosistemi?