Ambiente in gioco

Ambiente in gioco
2 agosto 2017 Francesco

Oggi viviamo in un’epoca caratterizzata dallo straordinario impatto che una singola specie, quella umana, ha nei confronti di tutti i sistemi naturali della Terra. Ma siamo realmente consapevoli che tutti noi deriviamo e dipendiamo da questi stessi ecosistemi?.

Le performance dell’agricoltura sono cresciute a dismisura, e con esse la produzione di cibo. Attraverso attività di gruppo possiamo riflettere su come questi risultati non siano a costo zero: diminuzione della biodiversità, manipolazioni genetiche, aumento degli inquinanti, desertificazione, sono alcuni aspetti.

Produrre così tanto cibo comporta l’utilizzo di più risorse naturali di quante ne siano effettivamente disponibili, intaccando quindi le “riserve” delle future generazioni.

Ormai non ci sono alternative: è in gioco la stessa sopravvivenza del Pianeta, non solo dal punto di vista ecologico ma, soprattutto, sociale e democratico.

icon box image

destinatari

Terzo anno della scuola secondaria di primo grado.

icon box image

durata

Due incontri di due ore ciascuno. In classe.

icon box image

parole chiave

Biodiversità, sostenibilità, cittadinanza, relazioni, risorse

icon box image

finalità

Riflettere sul concetto di sviluppo sostenibile. Riconoscere l’importanza delle relazioni sistemiche in un ambiente

Potrebbero anche interessarti

Lug24
Coop per l’arte
Coop per l’arte

La lingua monumentale dell’arte è quella che ha reso unico al mondo il territorio, dell’Italia e che, lungo i secoli, ha reso noi tutti «italiani» per ius soli culturale.

Lug25
Alla scoperta del cibo
Alla scoperta del cibo

Questa iniziativa si propone di suscitare nei bambini/e la curiosità nei confronti del variegato mondo degli alimenti, delle loro provenienze, delle loro combinazioni.

Lug23
Ma che razza di razza!
Ma che razza di razza!

Che idee abbiamo della razza? E che collegamento c’è tra razza e razzismo? Quali sono i meccanismi culturali che supportano il razzismo? E come funzionano?
E ancora: gli italiani sono razzisti?