“E io cosa posso fare?”

Questa è la domanda  dentro ognuna delle proposte educative di Unicoop Firenze che sottolinea la componente di esperienza concreta e diretta, di gruppo e individuale, del progetto. Un progetto che è cresciuto negli anni, arricchendosi dei contributi e delle esperienze di molti.

Oggi possiamo dire che lo pensiamo come un progetto “generatore”, che si sviluppa e trova il naturale sbocco nella costruzione di una “cittadinanza” come luogo dell’incontro, della progettazione, della condivisione, del fare e del sapere, un terreno dove è l’atto creativo e appassionato della conoscenza a scrivere e definire i confini della cittadinanza. Una cittadinanza che è impegno, relazione, responsabilità ma soprattutto cambiamento.

Tutto ciò che accade nel mondo ci riguarda e, per tornare all’interrogativo iniziale, non dobbiamo pensare che temi come il razzismo, l’emigrazione, la legalità, l’utilizzo delle risorse, debbano interessare “gli altri”: curiosità, desiderio, piacere della scoperta e impegno ne sono le chiavi di accesso.
Il significato e il peso specifico di ogni progetto è racchiuso nella sua capacità di produrre un battito d’ali, un movimento che, seppure piccolo, sposta l’equilibrio circostante. L’idea è che piccole variazioni nelle condizioni iniziali producano grandi variazioni nel comportamento a lungo termine di tutto il sistema: a conti fatti un piccolo intervento, una singola azione possono determinare imprevedibilmente il futuro.

Le proposte educative hanno l’obiettivo di dar vita ad un diverso punto di vista sul tema dell’impegno per una cittadinanza globale e di stimolare i ragazzi a sentirsi attori del proprio processo di apprendimento. Per un processo educativo che aiuti a crescere in un mondo complesso è importante fare esperienze anche “fuori i confini” della scuola, del nostro territorio ma anche del quotidiano di ciascuno per guardare in modo nuovo e aperto la realtà.
Le esperienze presenti in catalogo vogliono essere uno stimolo a scoprire e vivere insieme il territorio inteso come comunità con le sue caratteristiche e la sua storia, una comunità con le sue regole ed i suoi linguaggi nella quale la diversità è un valore anche nella costruzione dell’identità. Da sempre le esperienze si distinguono per l’attenzione che riservano alla crescita creativa del senso di partecipazione e di responsabilità, per il riconoscimento e il rispetto degli altri e dell’ambiente, per la sensibilità all’arte.

Centrale è un’idea di cittadinanza che ha molto a che fare con la relazione continua e proficua con la propria comunità, il proprio territorio, con la conoscenza di ciò che è vicino e prossimo a partire dai valori della cultura, della solidarietà e dell’accoglienza, ma anche con l’apertura al mondo e alle culture che lo intersecano con le quali è necessario un approccio il più possibile libero dai pregiudizi.

Il catalogo delle proposte educative vuole dunque rappresentare la tessera di un progetto educativo da costruire insieme al mondo della scuola, un progetto che si apra al dialogo fra le generazioni, che sia l’espressione della curiosità e della concretezza del lavoro di squadra.


E io cosa posso fare

Proposte Territoriali

Hanno scritto su..